LACRIMA DI MORRO DOC
SUPERIORE

Schermata%202021-04-17%20alle%2017.25_ed

L'EVOLUZIONE DELLA UVA LACRIMA
NELLE SUE PIU' RICCHE SFUMATURE

 

Superiore, come e perché

Una particolare conduzione del vigneto, le ridotte rese per ettaro, la selezione dei grappoli ed il momento della vendemmia sono gli elementi primari di differenziazione in partenza.

Si prosegue poi in cantina con scelte dedicate a nobilitare la qualità della materia prima con la selezione dei lieviti, delle tecniche di fermentazione, di soste sui lieviti (sur lies) più o meno prolungate e di diverse tipologie di tini (acciaio, cemento vetrificato, legno) per la maturazione. Un tempo maggiore di attesa per il prodotto finale è quindi d'obbligo.

In questo contesto si sviluppano nuove declinazioni dalle lunghe maturazioni (long ageing) che portano in luce anche le doti di longevità dell'uva lacrima lavorata opportunamente in questa ottica. Acciaio o legno ma senza trascurare anche l'importante affinamento in bottiglia per completarne l'evoluzione.

Profumi floreali (rosa, viola, violetta, rosa canina) e

fruttate (more di rovo, frutti di bosco, ciliegia, visciola)

che possono diventare composta nel caso di lunghe maturazioni ed  affinamenti, note di pepe, cacao che si accompagnano a tannini bilanciati ed un corpo che può arrivare ad essere robusto in talune lavorazioni.

In abbinamento a piatti della tradizione come vincisgrassi, coniglio in porchetta ma in generale anche a carni rosse, arrosto, porchetta, cacciagione e parmigiana di melanzane.

morro-dalba-38.jpg